Parrocchia di Campo

La nostra parrocchia ormai non ha più limiti: adesso sbarca anche sul web!!!
 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividi | 
 

 Liturgia della Parola Mercoledì 15 Ottobre

Andare in basso 
AutoreMessaggio
sara



Messaggi : 67
Data d'iscrizione : 05.02.08
Età : 38
Località : campo

MessaggioTitolo: Liturgia della Parola Mercoledì 15 Ottobre   Mer Ott 15, 2008 10:41 pm

VANGELO (Lc 11,42-46)
Guai a voi, farisei! Guai a voi, dottori della legge!
In quel tempo, Gesù disse: "Guai a voi, farisei, che pagate la decima della menta, della ruta e di ogni erbaggio, e poi trasgredite la giustizia e l'amore di Dio. Queste cose bisognava curare senza trascurare le altre.
Guai a voi, farisei, che avete cari i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze.
Guai a voi perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo".
Uno dei dottori della legge intervenne: "Maestro, dicendo questo, offendi anche noi".
Egli rispose: "Guai anche a voi, dottori della legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!".
Parola del Signore.

COMMENTO
Ascoltiamo oggi con umiltà le parole amare e severe che Cristo rivolge ai farisei e ai dottori della legge. Oggi queste parole vengono rivolte a noi. Vediamo quanta verità vi sia anche per noi? Pagare la decima significava riconoscere le proprie dipendenze nei confronti di colui a cui la si pagava, in questo caso a Dio. E Dio oggi ci dice: "Non ho bisogno dei vostri beni, perché tutto appartiene a me. Non smetto invece di richiamarvi alla giustizia e all'amore". Nelle nostre società che posto spetta alla giustizia e all'amore?
La morte interiore è molto più temibile della morte fisica, perché la morte spirituale ha conseguenze eterne. È spaventoso essere dei "sepolcri" già da vivi, perché allora bisogna cambiare ancora molto, mentre l'uomo persiste volentieri in quanto in lui è negativo. Come uscire da questa situazione? Ritornare a vivere è rispondere alla chiamata di Cristo.
È molto facile essere giudici degli altri. È facile far rimarcare agli altri i loro errori e le loro mancanze. Invece, quando si tratta di noi stessi, ci risparmiamo: troviamo per noi delle regole più elastiche, con numerose scappatoie e riserve per giustificare il nostro comportamento. Cristo ha detto che siamo tutti uguali di fronte a Dio. Bisogna imparare a misurare sia noi sia gli altri con le stesse regole: quelle di Cristo.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
Liturgia della Parola Mercoledì 15 Ottobre
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» autodettato delle parole e sulla formazione della frase minima, alunno down
» DIVISIONE IN SILLABE
» I NOMI : schede, giochi e link
» cerco materiale didattico per la lettura globale
» POSTER / GLOSSARIO ILLUSTRATO DI INGLESE

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Parrocchia di Campo :: Liturgia della Parola :: Dal Vangelo - per riflettere-
Vai verso: